• info034885

Un nuovo protocollo per l'utilizzo di un drone per prova di difesa contro la mosca dell'olivo

Aggiornamento: 25 ott

Nell'ambito del progetto di cooperazione #Olivicoltura2030, di cui il Gal GardaValsabbia2020 è capofila insieme a GAL Valle Seriana e Dei Laghi Bergamaschi, Lago di Como GAL, GAL Quattro Parchi Lecco Brianza, è stato sottoscritto, insieme a AIPOL e Fondazione Fojanini, un protocollo per l'utilizzo di un drone per l'innovativa prova di difesa contro la mosca dell'olivo. Tra oggi e domani quindi si svolgeranno a Desenzano tutte quelle operazioni necessarie alla corretta regolazione dell'apparecchio, quali la mappatura elettronica della posizione delle piante nell'appezzamento e delle superfici adiacenti atte al decollo ed atterraggio, la regolazione della velocità di avanzamento e della portata degli ugelli.




Venerdì 5 Agosto, alle ore 10.00 si terrà la prima distribuzione della nuova esca adulticida contro la mosca dell’olivo tramite l’utilizzo della tecnologia APR presso l'oliveto dell'azienda olivicola Monte Croce di Egidio Ramanzin, presso la località San Pietro di Desenzano del Garda.


Oltre a Silvano Zanelli, Presidente di AIPOL, e Paolo Zani, tecnico di raccordo con l'azienda agricola e tecnico AIPOL, saranno presenti Beniamino Cavagna, Servizio Fitosanitario Regione Lombardia, Fabio Rolfi, Assessore agricoltura Regione Lombardia, Giorgio Lazzaretti, direttore Consorzio Olio DOP Riviera Ligure, Carlo Siffredi, presidente Consorzio Olio DOP Riviera Ligure, Mario Bertoli, responsabile prodotto e coordinatore di FMC che ha ottenuto l'uso emergenziale di Exirel Bait, Luca Triangeli, pilota del drone che volerà durante la prova, Giovanni Minuto, direttore CeRSAA, e Andrea Minuto, responsabile Centro di Saggio CeRSAA.

7 visualizzazioni0 commenti